Affido-congiunto-convivenza-trend-nesting

Tra affido congiunto e convivenza: la nuova tendenza del “Nesting”

Pubblicato da Team Share(d)

Dopo il loro divorzio, molti sono i genitori separati che si pongono la domanda sulla migliore organizzazione possibile: quella che soddisfa la loro nuova situazione ed è la meno dolorosa per i loro figli.

Una nuova modalità di co-organizzazione, il Nesting. A metà tra l’affido congiunto e la coabitazione il nesting sta diventando sempre più popolare.

Allora, è una vera soluzione miracolosa per i tuoi bambini o una falsa buona idea che è popolare tra i borghesi? Scopri i vantaggi e gli svantaggi quotidiani del Nesting.

Il Nesting o l’esercizio estremo di co-genitorialità

Il Nesting deriva direttamente dalla parola inglese Nest, che significa “nido”. L’idea è di assimilare l’appartamento familiare a un bozzolo! O piuttosto un nido.

Così, sono i genitori che si alternano ogni settimana per occuparsi dei propri figli nella casa di famiglia. Un affido congiunto al contrario, insomma.

Danno quindi la priorità al confort dei loro figli, che beneficiano di un ambiente un po’ più stabile in un momento in cui temono (e, in una certa misura, vivono) uno sconvolgimento nella loro vita quotidiana.

Il Nesting ha il merito di offrire ai bambini, ma anche ai loro genitori, una transizione più dolce. Per i bambini, naturalmente, come abbiamo appena spiegato, ma anche per i genitori, che stanno imparando, da un lato, ad esercitare la loro co-genitorialità in un contesto più stretto e, dall’altro, a recuperare la loro indipendenza e la loro vita da single.

Ma attenzione, non è il piccione viaggiatore che lo decide… Questa organizzazione vi impone un certo numero di vincoli, che pochi genitori separati sono in grado di affrontare.

Il Nesting: una convivenza costosa, temporanea ed alla fine invadente

In effetti, questa alternativa all’affido congiunto ha il grande svantaggio di doversi occupare di tre abitazioni e non solo di due! Una condizione che elimina di fatto una gran parte delle persone quando si conoscono le cifre dell’impoverimento che il divorzio può causare.

Anche se alcuni genitori separati possono imbarcarsi in questa avventura, è importante spiegare bene ai bambini cos’è e cosa non è il Nesting. Perché c’è il grande rischio di coltivare nei bambini la speranza che i loro genitori si rimettano insieme – il che produrrebbe l’effetto opposto a quello atteso. È quindi importante dimostrare ancora di più la pedagogia che nel caso di un affido congiunto classico.

Infine, questa soluzione può essere invadente per i genitori stessi, poiché di fatto occuperà gran parte della loro vita e di quella dei loro nuovi partner. L’affido condiviso occupa anche spazio nella vita di un nuovo coniuge, si potrebbe dire! Sì, ma il Nesting in qualche modo esclude il nuovo coniuge da questa parte della tua vita, il che non è sempre facile da accettare quando si progetta in due.

Nesting o la condivisione della casa con l’ex

Uomo avvisato, mezzo salvato? Quindi preferiamo dirvi, se sei tentato/a di fare il grande passo, devi anche assicurarti di stabilire regole chiare di convivenza con il o la tuo/a ex, altrimenti rischi di far venir fuori qualche vecchio fascicolo… Chi fa la spesa? Le pulizie? Possiamo uscire quando abbiamo “l’affido”?

Sì, per alcuni genitori separati, il Nesting ha il sapore di una convivenza fallita, ma con il proprio ex!In conclusione, si dice che il Nesting possa avere meno vantaggi di quanto suggerisca. Senza scoraggiare i sostenitori di questa co-organizzazione, preferiamo attirare la loro attenzione sulle nuove sfide che dovranno affrontare. Le gioie della co-genitorialità!

Articoli consigliati

Affido congiunto: i dieci comandamenti!

01 Giugno 2021

Qualunque sia il ritmo dell’affido congiunto, i genitori separati non hanno ancora trovato una ricetta miracolosa!  Tuttavia, anche se tutti […]

Leggi l'articolo

Co-genitorialità: quale atteggiamento adottare quando ci si scambia i figli?

01 Giugno 2021

Siamo molto pragmatici! Che l’affido sia tradizionale o congiunto, i genitori separati devono inevitabilmente “scambiarsi” i figli più o meno […]

Leggi l'articolo

Mi interessa:

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime novità di Share(d) specialmente pensate per i genitori!

Iscriviti alla newsletter di Share(d) per ricevere le ultime novità specialmente pensate per i genitori!

Ritrova la nostra comunità di genitori sui tuoi social network